venerdì 28 settembre 2007

Go Blue, Go!




Sabato scorso ho deciso di fare qualcosa di particolare per il mio primo week-end americano, ho deciso di fare qualcosa di realmente americano, andare a vedere i blue! Cioè andare a vedere la partita di football.
Premetto che sarà molto difficile in questo post darvi la reale dimensione di quello che è per gli americani LA partita di football, se non lo vedi e non lo vivi non lo puoi capire...io sono ancora incredula pur avendolo vissuto.
Il tutto inizia dal venerdì, quando le prime bandierine blu con la M gialla iniziano a sventolare dalle automobili di grassi e felici americani che sognano il week-end con partita alla TV e bottiglia di birra in mano: Omer Simpson non è un cartone, è la realtà vera di qua! Venite per crederci!
Se cammini per ann arbor, inizi a vedere persone che vestono la divisa dei Maize, i colori del Michigan infatti sono il Maize (giallo pannocchia) e il Blu. E poi si iniziano a vedere in giro anche i colori della squadra avversaria.
E la cosa sorprendente è che i tifosi dei Blu e quelli dell'altra squadra si bevono la birra insieme nel pub, come se fossero amici di sempre, perchè amici lo sono in quanto accomunati da questa passione sfrenata per il football!
Poi allo stadio si va rigorosamente a piedi, e più ti avvicini allo stadio più la fiumana di gente in maglietta gialla aumenta e ad un certo punto inizi a non vedere altro che magliette gialle!
Compostamente si entra allo stadio, appena dieci minuti prima dell'inizio della partita, sono tutti allegri, e nessuno ha fretta.
Quando entri allo stadio hai un colpo al cuore! E' immenso, eppure il campo è così piccolo e così vicino, ma quando si riempe tutto puoi vedere solo Giallo, anzi Maize! A quel punto, ancora immerso nella tua cultura sotto-sportiva da italiano primitivo ti chiedi: e la curva dei tifosi avversari? E la polizia?
(Devo ammetterlo, in questo, nell'aver capito il vero senso del tifo, gli americani sono anni luce distanti da noi!)
I tifosi avversari ci sono, sono mischiati tra gli altri, nessun problema, nessun poliziotto, giusto qualcuno che controlla che non si beva allo stadio, ma niente scudi o manganelli, niente assetto da guerra!
E poi lì vedi lì, tre tifosi di Penn State, giusto tre gradini sotto di te, che esultano quando la loro squadra fa punti, che fanno "boo" quando il michigan fa qualcosa di buono, normale, ognuno ha la sua squadra, ognuno la libertà di tifare per chi vuole.
La partita è un vero e proprio spettacolo e non solo per il match, ma per tutto il contorno: la partita si interrompe ogni minuti per almeno 3minuti e negli intermezzi ci sono gli spettacoli delle ginnaste dell'università del Michigan che organizzano il tifo.
Il tifo, qua è tutta un'altra cosa, nello stadio c'è una banda di più di 50 elementi, che vestiti di tutto punto e con maestro in frac e guanti bianchi (è vero non ci volevo credere nemmeno io!!!) *guidano* il tifo, i cori.
E allora sei parte di un unico coro che ripete "you suck" a ritmo di musica, o pure ci sono i cori "Go Blue, Go!" e poi tante canzoncine a cui tutti partecipano, nessuno escluso! E poi tutti tirano fuori le chiavi e fanno rumore! Tutti, tutti quanti instancabilmente per 3 ore!!! Questo sabato allo stadio eravamo 111.432, quanti fermati? Venti. Perchè? Perchè stavano consumando alcool nello stadio.
111.432 persone.
La capienza dello Stadio Olimpico, il più grande d'Italia, correggetemi se sbaglio, è di circa 100.000, quanta polizia c'è ad ogni partita?
Invece qui, alla fine della partita, tutti ordinatamente se ne vanno a casa, oppure a mangiare un hamburger, felici e contenti, la massa gialla ri-invade ordinatamente le strade. Unbelievable!

2 commenti:

Anna ha detto...

Azu,
sono Anna e ho letto il tuo commento sulla partita...è stato bellissimo e mi hai trasmesso le tue emozioni!!!Magari fosse così anche in Italia ma...è utopia!!!
Ti seguo sempre!!!

genni ha detto...

che esperienza fantastica....
di incredibile nella mia vita c'è il fatto che enrico mi abbia fatto leggere il tuo post ;-)
spero di riuscire a leggere tutto un pò per volta...
cmq sei bravissima a trasmettere l'altro mondo nelle ns vite...
dfgcyt... indovina chi ha scritto?
baci da genni ed Enrico